Si avvicina il periodo di punta per il consumo di asparagi, un prodotto di nicchia ma con un mercato in crescita e dall’alta redditività.
Il confezionamento degli asparagi è una delle fasi più importanti per la commercializzazione di questo pregiato prodotto, scopriamone insieme i motivi.

Lavorazione, confezionamento e commercializzazione degli asparagi

La lavorazione degli asparagi prevede una serie di passaggi: dopo la raccolta, i turioni vengono lavati, tagliati e divisi tra commercializzabili e non.
Gli asparagi vengono selezionati, manualmente o con appositi macchinari, e confezionati sfusi in cassette di polistirolo di piccola dimensione 20×30 cm o, legati in mazzetti, e riposti in cassette più grandi di plastica o polistirolo.

Diverse sono le variabili che determinano la classe di vendita degli asparagi, la commercializzazione degli asparagi selezionati avviene per pezzatura, lunghezza, calibro e presentazione.

Gli asparagi vengono poi spediti e venduti al minuto, fase questa molto importante. Il prodotto deve essere riconoscibile, avere una chiara indicazione di origine e, a supportare la vendita, una buona immagine e riconoscibilità.

Ma perché il confezionamento degli asparagi fa la differenza?

Gli asparagi sono costituiti per la maggior parte da acqua e hanno poche calorie. Apportano solo 24 kcal per 100 grammi di parte edibile, quindi sono indicati in caso si stia seguendo un regime alimentare ipocalorico.

Proprio questa caratteristica di importante presenza d’acqua nel prodotto spinge diversi agricoltori a scegliere di conservare gli asparagi in casse di polistirolo.
Il confezionamento degli asparagi in cassette di polistirolo infatti ne evita la disidratazione e la perdita di peso, nonché mantiene più a lungo la freschezza e le proprietà nutritive del prodotto.

Gli asparagi confezionati nelle cassette di polistirolo non solo si conservano più a lungo ma si presentano meglio.

I contenitori in EPS bianco sono più igienici e, rispetto a cassette in plastica nere o colorate, conferiscono al prodotto un maggior livello di pulizia.
Per questo, l’asparago contenuto in una scatola di polistirolo, risulta più appetibile e di miglior qualità e gli viene conferito un maggior valore.

Cassette in plastica o in legno, inoltre, hanno bordi e fessure interne che possono essere leggermente taglienti, andando ad incidere sull’integrità e sull’immagine finale del prodotto.

Le cassette in polistirolo sono economicamente competitive e 100% riciclabili. Possono essere personalizzate attraverso la stampa di loghi e indicazioni del produttore, evitando gli oneri dovuti all’uso di etichette o nastri adesivi e che devono essere debitamente separati e smaltiti.

Il confezionamento degli asparagi in cassette di polistirolo è vantaggioso per i produttori e per i consumatori!

CASSETTE IN POLISTIROLO CONSIGLIATE PER IL CONFEZIONAMENTO DEGLI ASPARAGI

SCOPRI TUTTE LE CASSE PER ORTOFRUTTA DI ISOLCONFORT